giovedì 15 agosto 2013

Alice "on the road" - Prima tappa

Partenza 15 agosto, ore 8.20 (venti minuti di ritardo...cominciamo bene!)

Dopo la giornata fredda e piovosa di ieri, oggi ci svegliamo con il cielo azzurro, anche se le nuvole ci seguono come un gregge.
Non fa troppo caldo. Sono contenta. E' il modo giusto di cominciare questa avventura.
Attraversiamo il paese. Approfitto dell'ora mattutina, e della poca gente in giro, per fare qualche foto.


Camminiamo a passo spedito, senza esagerare, e dopo 45 minuti mi rendo conto che abbiamo già fatto tre chilometri. Per le mie gambe è già una soddisfazione. Certo non ci sono salite, non ci sono pietre, siamo da soli, camminiamo sulla ciclabile asfaltata. E' una passeggiata.

Arriviamo a una svolta. Qui si pone il problema di continuare (ma tutto il giro sarebbe troppo lungo per il primo giorno) o tornare indietro. Decidiamo di continuare e vedere se si può ad un certo punto tornare indietro attraverso i campi.

Dopo un chilometro, incerti sul da farsi, avvistiamo una stradina che passa davanti a una bella casa di campagna dipinta di rosso scuro. Mi avvicino (gli uomini non amano chiedere informazioni, si sa) per chiedere se possiamo passare lungo i campi e sono "accolta" da un cagnolino che mi abbaia contro e fa quel caratteristico "hrrrrr" di gola, tanto che mi cominciano a pulsare le gambe. Fortunatamente esce una signora che lo richiama all'ordine (dicendogli quanto è bello..."Solo così si calma" - mi dice). E' solo il primo giorno e ho già vissuto la mia prima avventura! ;)

Mi spiega che costeggiando il campo di pannocchie, arriveremo all'argine e potremo così ritornare verso il paese. Ripeto più volte al cane che è veramente bello e ci allontaniamo in fretta. Mio marito dice: "Adesso ci fa allontanare un po' e poi ce lo libera dietro!" Ridiamo. Non è vero, la signora è stata molto gentile.

Il sole gioca a nascondino dietro alle nuvole. Meglio così, anche se il venticello è un po' fastidioso, adesso che siamo un po' sudati. Scansando le ortiche, (mi sembra di essere tornata bambina!) scopriamo di essere ritornati sulla strada dell'andata. Forse dovevamo girare a destra sull'argine, ma forse è meglio così, non vale la pena di strafare, vista la nostra preparazione.
Prendiamo una strada secondaria e ammiriamo i diversi stili delle abitazioni. Piano piano, rientriamo in paese, scattando foto che non avevo mai fatto.
Alla fine, ci rendiamo conto che abbiamo fatto circa nove chilometri. Sono soddisfatta. Oggi pomeriggio decideremo l'itinerario per domani.


Non mi ero mai accorta che, vicino a casa, ci fosse un albero con dei fiorellini così belli!

P.S. Tutto è cominciato qui!

14 commenti:

  1. Bellissimo.
    Bravissima.
    Originalissimo.

    ...insomma....decisamente SUPERLATIVO.
    Come Alicedallanascita, del resto.

    Smaaaaaaaack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiuuu Velma. E io che avevo paura che mi chiedessi se sono fuori di testa!
      Se fossi più vicina, verresti anche tu, vero? ;)
      P.S. Mi è appena venuta un'idea grandiosa: una caccia fotografica, io e te, alla Thelma e Louise (senza salto finale, però), eh? Magari...un giorno...
      P.P.S. Ma che sia il caldo?

      Elimina
    2. Solo se mi porti sul braccio come la coccinella, però!
      Beh una caccia fotografica insieme sarebbe un sogno....io fotograferei te, ovviamente.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Cosa non bisogna inventarsi quando non si va in ferie!

      Elimina
  3. Alice... prestami un po' della tua scintillante intraprendenza, dannazione! Non ti senti un'ingorda a tenerla tutta tu in tale quantità?!

    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, una idea una, in tutta l'estate e me la chiami intraprendenza? ;)
      Ciao cara.

      Elimina
  4. Vedo solo oggi i tuoi post (sono molto poco virtuale nelle ultime settimane ;)!).
    Che voglia che mi fanno i tuoi panorami :)!
    Io mi sto "ammosciando". Non combino niente.
    Mia figlia l'altro giorno mi ha sintetizzato la sua idea di me: - Mamma a te piace solo leggere e dormire!
    In questo periodo non faccio molto altro, a parte andare e tornare modello-automa ormai in spiaggia.
    Un abbraccio fortissimo :D!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' giusto non fare molto in ferie. Ma io stavo oziando da due mesi ed era giusto che mi dessi una mossa. Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  5. Grande Alice!! Le tue passeggiate mattutine mi ricordano i giorni passati da me in Umbria. Ogni mattina all'alba appuntamento con mia cugina e in marcia per almeno un paio d'ore alle scoperta dei nostri dintorni! Ora sono dai nonni pugliesi e qui purtroppo non trovo nessuno per passeggiare:-((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già il punto è riscoprire i luoghi stra-noti, cercando di guardarli con occhi nuovi. Un po' di compagnia, se non è troppo "molesta", va bene; e infatti non ho fatto molta pubblicità a queste "escursioni"!

      Elimina
  6. Oh, io lo farei eccome, ma non posso schiodarmi da casa!!!
    Maledetta convalescenza!!!
    A me camminare piace un sacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Monica, riprenditi in fretta e poi via! In questi giorni non fa caldissimo, qui da me; è il clima ideale.

      Elimina