mercoledì 30 gennaio 2013

Di poeti e diversità


Ore 7.15, il dodicenne sta facendo colazione. Ad un certo punto mi guarda e mi dice:


Dodicenne. : - Non so se sei una montagna grigia - (indosso un maglione grigio) - o una foresta d'oro - (ho i capelli ricci, biondi e abbastanza lunghi)

Mamma: (ignoro la prima parte della frase (?) e mi concentro sulla "foresta d'oro" ) - Ma vedi che c'è uno scrittore, dentro di te! - (mentre dico queste parole, presa dalla foga del momento, appoggio le mani sulle sue spalle e lo scuoto con forza.

D: - Mamma...hai appena ucciso lo scrittore! -



                                                                     

- o - o - o -


Ore 20.00, scambio di convenevoli tra figli a cena.

Dodicenne: - Guardati, sei cicciona (non è vero, ndr)

Quindicenne: - Non è vero, sono diversamente magra.

D: - ....

Q: - E tu sei diversamente intelligente!

Cosa ci si poteva aspettare dai figli di una diversamente attenta?!!!

24 commenti:

  1. Era un po' che non parlavi di loro: dire che sono i "soliti" figli, niente di diverso;D! Intelligenti, sagaci e ironici come la madre :D!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh quanta roba! Però, ho sempre cercato di vedere il lato divertente delle situazioni e forse lo hanno assorbito anche loro. Perché quando non brontoliamo o non urliamo, siamo tipi allegri, eh. Ricambio l'abbraccio "solita".

      Elimina
  2. Ma davvero sei riccia?
    Lo sai che non scrivi come una riccia, vero?
    Ti immaginavo addirittura "spaghetta"! Pensa te.
    Però, davvero: tuo figlio è un soggetto interessante!

    RispondiElimina
  3. Beh, adesso me lo spieghi come scrive una riccia!
    Quanto al dodicenne, sai che ho pensato a te, mentre scrivevo la storia dello scrittore? Ti vedevo alzare gli occhi al cielo e sospirare "ci risiamo con la fissa della lettura/scrittura!" ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara, sono onorata di essere nei tuoi pensieri, ma generalmente non alzo gli occhi al cielo/sospiro, figuriamoci poi se lo faccio per una fissa che ho anche io!
      Come scrive una riccia?
      Beh, avrei numerosi esempi da proporti di blogger che ritengo ricciolone e tu non rientravi tra queste.
      L'idea fisica che mi ispiravi era quella di una donna bionda si, ma liscia, con la carnagione chiara, il naso a punta e le vene delle mani e delle braccia in forte evidenza.
      Ora non dirmi che ho sbagliato che se no entro in crisi ( e alzo gli occhi al cielo e sospiro) e non so più come immaginarti!
      Cià cià

      Elimina
    2. No, no Velma, non ci siamo. Ho la carnagione chiara, un naso normale, non a punta, e qualche chiletto in più (non tanti però, eh) grazie ai quali le vene se ne stanno al loro posto. Insomma non sono una palla, ma se mi immagini magra e impettita, sei fuori strada.
      P.S. Io non ho presente chi siano le blogger ricciolone. Ma è una brutta cosa? ;)

      Elimina
  4. una volta Michele a una otto o nove anni mi disse
    " i nostri scontri sono inutili finchè non mattiamo tutto su un piano dialettico"
    sono rimasto di merda, tanto per tornare terra terra
    i figli sono straordinari e imprevedibili
    ed è bello vederli così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, e perciò mi piace fissare nella memoria questi momenti, per rileggermeli magari tra un po' di anni. Però, l'ottenne!
      'Notte Massimo.

      Elimina
  5. che bello sentirti raccontare dei tuoi figli;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco Francesca, goditelo finché ti dice che sei la mamma più bella e buona del mondo...verranno tempi duri! ;)

      Elimina
  6. Troppo simpatici! E poi a quell'età immagino siano davvero spugne con le antenne !... Tra un po' ti insegneranno loro le cose del mondo !...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cose del mondo, non so, ma non credere che non abbiano già cominciato a riprendermi. Occhio a sbagliare, sei finita!

      Elimina
  7. Ah ah ah... i tuoi figli sono fantastici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quando sono piccoli, adorabili, cicciottelli e li guardi e dici: vi mangerei. Poi crescono e ti domandi: ma perché non vi ho mangiato? ;) Non so di chi sia questa battuta...ma rende!
      P.S. Però è vero, diventa sempre più interessante parlare con loro.

      Elimina
  8. I tuoi figli mi hanno fatto morire dal ridere!

    RispondiElimina
  9. Ma vuoi mettere le pillole dei tuoi? La differenza? Quando sono piccoli sono involontariamente divertenti, a quest'età sanno benissimo dove vogliono arrivare...aiutooo! Buon fine settimana Monica.

    RispondiElimina
  10. " D: - Mamma...hai appena ucciso lo scrittore! - "

    Bellissima!
    Alice, ogni tanto passo a leggerti, ma questo scambio di battute tra te e i tuoi figlioli dovevo proprio commentarlo :)
    I ragazzini a quell'età sono qualcosa di...inqualificabile ;) Ma a volte parlare con loro è illuminante.

    A presto!

    Una diversamente critica ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Asaka. A quell'età non sono nè carne nè pesce, nè bambini nè adulti e ti fanno vivere momenti di ansia e momenti di vera incazzatura. Poi se ne escono con frasi così e ti viene da sorridere. E' liberatorio.

      Elimina
  11. I miei figli avranno la stessa differenza d'età... passare di qua mi apre una porta sul futuro. E tutto sommato non mi sembra affatto male ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva, sei tornata! Beh dai, non ci pensare che hai un po' di anni prima di arrivare a questa fase. Poi, non sono tutti uguali, ma bene o male è una fase di transizione. Che ci si diverta in mezzo a tanti colpi di nervoso è una buona cosa.
      Buona domenica.

      Elimina
  12. Mitica quindicenne! LE donne sono sempre un passo più avanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, per una volta gli ha chiuso la bocca!

      Elimina
  13. ^_^ ciao mamma diversamente attenta =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Miky.... diversamente pittrice!

      Elimina