venerdì 26 luglio 2013

Sto bene, sto veramente bene

E' passato quasi un mese e mezzo da quando sono a casa.
Come sto? Bene, continuo a ripetere a tutti che sto bene, che le giornate passano veloci e per il momento mi sento in vacanza.

Ed è vero, eh. Non ho rimpianti.


Anzi dopo che sono stata lì l'ultima volta, per un incontro con un'azienda che si occupa di formazione e ricollocamento, e che un'imbarazzatissima ragazza della portineria ha dovuto dire ad ognuno di noi che alla fine dell'incontro era meglio che ce ne andassimo subito (non ci venisse in mente di passare per il nostro "vecchio" ufficio!), beh che dire, credo di non aver perso proprio niente, o meglio di aver sprecato solo del tempo in un posto così.
Mi resta solo un dubbio: siamo noi appestati o sono i superstiti che sono reclusi neanche fossero in un lager...

Ecco, se proprio devo dire una cosa, un po' di delusione per l'indifferenza, o meglio la rassegnazione, l'ho provata, che se fossi stata io al loro posto, una protesta per il trattamento riservato alle persone in uscita l'avrei espressa a piena voce. Ma del resto, io ho sempre  parlato troppo e probabilmente, proprio per questo, qualcuno avrà fatto i salti di gioia, quando ho annunciato di voler uscire.

Pensavo stamattina, mentre stiravo, che sembra proprio la materializzazione del film "L'invasione degli Ultracorpi". Gli "alieni" sono arrivati negli ultimi quattro anni, (nel film assumevano le sembianze dell'umano originale e la prova era un baccello sotto al letto) e la caratteristica principale dopo la sostituzione era una certa insensibilità, la negazione delle emozioni e della capacità di distinguere ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Ok, giuro che non parlo più di questo film, che non è la prima volta che lo nomino, ma torna tutto, no? ;)

Dopotutto in queste situazioni si scopre la vera natura delle relazioni che intrecciamo  con gli altri. Ci sono amiche di vecchia data, che nonostante fosse apparso tutto sui giornali, non hanno fatto una sola telefonata, ed ex colleghi invece che si tengono costantemente in contatto, alcuni si sono procurati il numero e hanno fatto sentire tutto il loro calore, che tutti quegli anni passati insieme vorranno pure dire qualcosa..

Comunque sto bene, sto veramente bene, ogni tanto mi scopro che fisso lo sguardo nel vuoto...ma quello lo facevo anche prima...
Avrei voglia di cambiare aria, ma mia figlia ha deciso di cambiare scuola e hiuhuuu! via a studiare per tutta l'estate, ripetizioni comprese.
E fingendomi occupata ad aiutare lei (che NON vuole essere aiutata) posso rimandare a settembre la decisione su cosa voglio fare da grande!

Beh, non ridete tanto che ieri mi hanno dato 24 anni! Certo che le amiche di mia mamma...ce ne fosse una che non sia "ccecata" (e questa non era una vecchietta, eh)
Mi hanno preso un'altra volta per la nipote, invece che la figlia, e mi hanno perfino dato meno anni dello scorso anno, come avevo raccontato qui

E chissenefrega se non è vero, se le rughe testimoniano che un po' di anni sono passati, è sempre una "botta de vita", no?

No, ma sto bene, sto veramente bene ;)










22 commenti:

  1. Se non avessi scritto questo post ti avrei creduta.
    Adesso però sono fortemente preoccupata.
    Non te lo posso scrivere qui quello che secondo me sarebbe il rimedio a questo tuo stato malessere interiore, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non devi preoccuparti. Avevo messo in conto che ci sarebbero state giornate no.
      E' non sapere cosa farò che mi disturba. E fare la casalinga e vedere i miei figli litigare per delle sciocchezze.
      Mi piace scherzare, ma anche un po' di malinconia fa parte di me. Ma poi passa. E non cerco sempre il lato comico?
      Stai tranquilla, va bene? Baci

      Elimina
  2. Cara Alice, ti pensavo e che bell sentirsi così !!! Lo sai che qualche giorno fa anche a me hanno dato 25 anni??? Ma era verso l'ora del tramonto ed il tipo aveva secondo me bevuto parecchio;-)) comunque fa sempre piacere no??!!! Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, sono appena passata a casa tua. Certo che fa piacere, anche se, nel mio caso, non è assolutamente verosimile (ne ho il doppio!) Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  3. E io sono strafelice che tu stia veramente bene alla faccia di chi non ti m erita, con le tue prime rughine, ma con un allure da ragazzina che fa invidia a chi se lo merita!
    Abbraccio forte amica bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahaha Nella, grazie per l'"allure da ragazzina" sulla fiducia! Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  4. anche a me danno sempre qualche anno di meno, forse perche' mi vesto da ragazzina o forse perche' non sono certo alta un metro e ottanta..o forse perche' mi mantengo giovvane..

    siamo mamme in forma, su daii...

    RispondiElimina
  5. Io ti credo, so che stai bene e so anche che non puoi annoiarti e perdere troppo tempo in pensieri tristi: hai una famiglia e una figlia adolescente da aiutare per un cambio scuola che inevitabilmente sarà impegnativo. Qualche nuvola c'è sempre nella vita, ma il sole è sempre sopra di esse! Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, di annoiarmi non c'è pericolo. Me la sto prendendo comoda, ma una vocina dentro di me, mi suggerisce che dovrò decidere qualcosa. Per il resto, puoi capire quanto sia facile star dietro a una adolescente che vuol fare da sola (ma tu vedi che non è abbastanza!) Quando sarà il momento, ti aggiornerò. Buon we Ninin.

      Elimina
  6. " Mi resta solo un dubbio: siamo noi appestati o sono i superstiti che sono reclusi neanche fossero in un lager..."

    Occhio di falco come sempre...

    Anche a me è venuto il dubbio, leggendo il post, che tu non stia veramente bene... ma se ci rassicuri che è così, scelgo di crederti, e di sperare che ti capiti l'occasione concreta per cambiare ambiente, e darti modo di guardare cose nuove, e avere l'atmosfera giusta attorno per essere ispirata e capire cosa vuoi fare "da grande"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono solo un po' in ansia per una serie di motivi, ma niente di grave. E' che, approfittando del periodo estivo, non mi sono messa a cercare niente, e forse una parte di me sa di potersi permettere di riposarsi e un'altra, invece, si sente in colpa di non darsi da fare. Toglietemi tutto, ma non i miei sensi di colpa! ;)
      Ciao Asaka, buona domenica.

      Elimina
  7. *Toglietemi tutto, ma non i miei sensi di colpa!*

    Non sai quanto ti capisca...

    Buona domenica a te... (buona serata, ormai...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haha. Presa bene anche tu, eh? ;)

      Elimina
    2. Scherzi? Io sono una maestra dei sensi di colpa.
      Potrei insegnarla all'università con un corso monografico. :D

      Ciao Alice ;)

      Elimina
  8. Ciao. E' da un po'che sono presissima da "altro" e che non ho tempo per soffiarmi il naso. Oggi mi sono concessa una pausa e guarda un po'che cosa leggo...! Vabbè, per come ti conosco, con tutte le energie e le risorse che hai, ti vedo già in un vulcano di idee e attività varie e finalmente "tue"... Baci baci. Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia, come stai? Non sono un vulcano, TU lo sei! Per ora mi sto riposando e sto riflettendo. Poi si vedrà. Ciao e grazie.

      Elimina
  9. Chiamala pausa, stand by, o reset.
    Serve.

    Poi si aprirà il portone.
    E allora si che starai bene.
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono in stand by. Mi sto ricaricando, ne ho proprio bisogno. Non so se si aprirà un portone, ma ti ringrazio per le tue parole, sei gentile. Ciao Monica.

      Elimina
  10. per motivi probabilmente diversi dai tuoi, ho lasciato anche io, a fine giugno...lasciare in estate non è male, ti godi l'estate, un po' di riposo mancato da tempo...ora...settembre, "anno nuovo", si comincia a fare progetti per il nostro futuro da "grandi" :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, non è male lasciare in estate. Me la sono presa comoda, da una parte, rivendicando il diritto di riposarmi dopo anni e anni di lavoro (e con un finale che mai avrei pensato) e dall'altra, provando sensi di colpa per la forzata inattività. Cosa vuoi, sono Pesci, uno va di qua e l'altro nella direzione opposta! ;)
      Però, adesso sento un po' di fermento e forse si sta muovendo qualcosa. Questo pensiero di cosa fare da grande mi perseguita da tutta una vita...ma...diventerò mai grande? Eppure, pensare al futuro come qualcosa in continua evoluzione, in qualche modo e senza dimenticare le responsabilità, dà l'impressione di non invecchiare mai...
      In bocca al lupo Gab, tu dalla tua hai il talento e non è poca cosa.

      Elimina