lunedì 15 aprile 2013

Una sfortunata serie di eventi (e non solo)

Giornata difficile.
Oggi mia figlia doveva iniziare la scuola un'ora dopo. Questo significa che si poteva dormire un'ora in più.

Però, nell'ordine:
- si è dimenticata di mettere la sveglia e perciò ha dovuto fare tutto di corsa quando l'ho svegliata io un quarto d'ora dopo,
- non aveva controllato bene l'ora di partenza del treno ed io mi ero convinta che fosse alle 7.37 mentre l'ora precisa era 7.34
- siamo arrivate alle 7.34 e sì, abbiamo notato che c'era poca gente, ma in fondo era un'ora anomala, gli studenti e i pendolari di solito prendono il treno prima
- il treno è quasi sempre in ritardo, ma puoi stare sicuro che quando sei in ritardo tu, "lui" spacca il secondo
- ci abbiamo messo dieci minuti a realizzare che era già passato (lo so, lo so...non ci sono scuse)
- nel frattempo dovevo portare a scuola il figlio numero due e perciò sono tornata a casa e così ci siamo giocate anche la corriera
E' andata a finire che ho dovuto accompagnarla in macchina e così sono andata a lavorare un'ora dopo.
Non serve dire che le ho trapanato i timpani con le mie urla isteriche, che non servono a niente ma vuoi mettere l'effetto liberatorio?

Oggi pomeriggio, sessione di tedesco (che non ho mai studiato), giusto per organizzarle meglio lo studio.

- Dai vieni qua che cominciamo
- Sì, arrivo subito
.....
- Dai spegni quel cellulare, vieni di qua
- Subito!
.....
- Guarda che cominciano a prudermi le mani!
- .... una grattatina?
- ?!?

E il guaio è che mi è venuto anche da ridere. Siamo rovinate!






18 commenti:

  1. E scommetto che da quando hai riso, la giornata ha preso un'altra piega!!! ;-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma era già pomeriggio inoltrato! ;)

      Elimina
  2. Anche da me è stato un weekend bleah: che dire!? ci tocca fare le mamme :D!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, sai a pensarci bene, erano anni che l'essere mamma non era un'esperienza così totalizzante...corsi e ricorsi storici!

      Elimina
  3. Direi che:
    -una figlia che mi risponde "subito" quando la chiamo è fra le mie più grandi aspirazioni
    -se provassi a fare tedesco mi si attorciglierebbe indissolubilmente la lingua e in ogni caso non immagino mia figlia con le sue "turbe foniche" a pronunciare certi fonemi
    - non ci credo che urli....tu sussurri, lo so
    - neanche se mi impegnassi riuscirei a imbrogliarmi così con gli orari:se volevi arrivare un'ora in ritardo al lavoro bastava dirlo, la giustifica te l'avrei firmata io
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora..
      - dice subito solo per guadagnare tempo
      - l'ho solo aiutata a fare uno schema con le regole per facilitarle lo studio, perche io il tedesco non lo so proprio. Vuoi vedere che lo imparo?
      - urla M., ho detto proprio URLA
      - oggi ho avuto una giornataccia...mi fai la giustificazione per domani? Per favooore.
      A.

      Elimina
  4. Troppo forti!
    Non oso pensare quando queste cose succederanno ame, tra qualche anno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, vedi Monica, in mezzo a tante mamme superorganizzate, tu mi dai tanta soddisfazione. So che mi puoi capire. Ma distratte e mezzo addormentate è un miscuglio esplosivo!

      Elimina
  5. Chi ha detto che si stava meglio quando i treni erano puntuali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai hai ragione sai? ;) E' subdolo quel treno, arriva quasi sempre in ritardo e poi zac, ritardi un minuto e te lo vedi partire sotto il naso! Non si fa così.
      P.S. non ieri però, eravamo così addormentate che non ci siamo neanche rese conto che era già passato! Senza speranza, lo so.

      Elimina
  6. Io ti capisco.
    Mi gira in casa un quasi treenne, che sembra un 45enne travestito da bimbo.
    Ieri mi ha guardata e mi ha detto, alzando l'indice verso di me:" Mamma lasciami in pace e vai subito a fare la cucina!"
    Urla, risa? Un susseguirsi, come nei migliori manicomi!

    RispondiElimina
  7. Haha Themoon, mettilo subito in riga sennò sono guai!

    RispondiElimina
  8. A me ormai le urla non liberano più e inoltre mi sono cadute anche le braccia, ma quanto dura questa cavolo di età????!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'ultima riunione organizzata dalla scuola la psicologa ha detto che ormai l'adolescenza va dai nove ai diciannove anni. Aarghhh!

      Elimina
    2. NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!

      Elimina
    3. Hahaha LaNinin. Dobbiamo organizzare uno sportello per mamme di adolescenti e sfogarci. ;) Pensa che la psicologa ha anche detto che un periodo così lungo e difficile un adulto non ce la farebbe a sopportarlo...ma, ma, e come facciamo noi a sopportare quello dei nostri figli?!!!

      Elimina
  9. Tu hai la figlia adolescente così, che ha tutte le scusanti dell'età e che presto PASSERA'!
    Ma io che ho il marito uguale uguale a lei che faccio?!?!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "e che presto PASSERA'" beh ecco, non sono così convinta! Quindi consoliamoci.
      P.S. Oggi sei stata nei miei pensieri, ho rimuginato sulla tua poesia e ti ho appena nominata nel post che ne è scaturito. E' stato forte pubblicarlo e trovarti qui.

      Elimina