mercoledì 2 dicembre 2015

Di nuovo immobile?

Oggi, 2 dicembre 2015, finisce la mia mobilità. Era iniziato tutto qui

Dopo due anni, tornerò ad avere un contratto a tempo indeterminato, evoluzione di un contratto a sei mesi, iniziato non proprio sotto i migliori auspici, ma che ora sta prendendo la rotta giusta.

Avevo ancora un anno di mobilità da sfruttare e visto che la trasformazione a tempo indeterminato la interrompe, confesso che per un attimo ho avuto paura.

In questi due anni la mobilità è stata il mio paracadute e slacciare le cinghie, e togliermelo dalle spalle, mi ha fatto venire le vertigini, anche se ora "sento" la terra sotto i piedi.
In questi due anni ci sono stati momenti belli e brutti.

Ho provato sulla mia pelle la sensazione del diventare fonte di imbarazzo per alcune persone, evidentemente incapaci di vera solidarietà, fatta di affetto e vicinanza. Davvero, non serve pietà, né altro.
Ho provato perfino il gusto un po' sadico di chi approfitta dello "stato di sfigato" per pretendere addirittura più risultati che non dai dipendenti effettivi.
Ho provato come ci si sente ad essere uno sgravio fiscale; non una persona, con i propri pregi e difetti, con le proprie competenze e i propri limiti, ma un pacchetto confezionato a cui, a tua insaputa, si può affidare qualsiasi ruolo, anche minore ovviamente.
Sono diventata più irascibile (rissosa, ecc. ecc.) e qualcosa ne sanno le persone che vivono con me.

Ma ho conosciuto delle belle persone, le mie amiche del treno in primis, con le quali ci vediamo spesso, strascico dell'esperienza veneziana.
Ho provato a guardare la mia vita da un'altra prospettiva. Ho provato a lavorare in maniera diversa, ricevendo gratificazioni e acquistando un po' di autostima e accettando finalmente che un altro modo di lavorare è possibile, idea che non voglio abbandonare.
Ho avuto modo di affilare il mio sarcasmo, perché i periodi difficili a volte ti affondano, altre ti spronano a trovare un modo per uscirne. E il mio lato "bastardo dentro" ha più volte trovato il modo di far ricredere sull'apparente docilità del mio carattere (leggi: se mi provochi, divento una iena!!)

Sono cresciuta in questi due anni, sono cambiata.
Non sarà tutto come prima. Resta la mia voglia di fare quello che mi piace, perché di anni di lavoro ne ho ancora molti davanti e detestare ciò che si fa quotidianamente, quello sì sarebbe allucinante per me. Conoscendomi, non mi darebbe pace.

Per cui, riparto da me.
Con l'idea ben stampata in mente che nella vita di immobile non c'è niente. Ed è così che voglio pensare al mio futuro: sempre in movimento, mai scontato e aperto a ulteriori cambiamenti.












20 commenti:

  1. Penso che in un mondo in cui niente è immobile, la capacità di adattamento, di "mobilità", sia indispensabile e, una volta acquisita, sia difficile da sradicare. Brava e imboccalupo!
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, una volta acquisita è difficile da sradicare. Paradossalmente, dopo questa esperienza, mi è rimasta la voglia di intraprendere una strada diversa. Mi tengo stretto questo lavoro, ovviamente, e sono grata, però una parte di me è irrimediabilmente cambiata.
      Grazie Ninin

      Elimina
  2. Ciao arrivo dal blog della Ninin.
    in bocca al lupo allora!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io ti conosco! :-)
      Crepi! Ciao grazie

      Elimina
    2. Ossanta! Mi conosci blogghisticamente o personalmente????? :-D

      Elimina
    3. Beh sì, "conosco" è una parola grossa.
      Ma blogghisticamente hai lasciato un commento qua e io uno da te. Nel tuo commento parlavi di "affinità distratte" ;-)
      Ci siamo già "frequentate" insomma. :-D

      Elimina
  3. La tua conclusione è bellissima!! :)
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mr. Loto.
      Buon fine settimana anche a te.

      Elimina
  4. in bocca al lupo!!!per l'"immobilità", ma anche per tanta mobilità, in altri termini :-)

    RispondiElimina
  5. Passo di nuovo da queste parti per augurare a te ed alla tua bella famiglia uno splendido Natale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno splendido Natale anche a te Mr. Loto. E, come sempre, grazie del pensiero.

      Elimina
  6. Tanti auguri anche da parte mia! e un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ninin. Ricambio gli auguri e il bacio!!

      Elimina
  7. Ti auguro tanta fortuna!!!!! E che il bastardo dentro, sopravviva sempre 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, anche a te!
      Ma certo, il bastardo dentro deve sopravvivere per forza ;-)

      Elimina
  8. ti capisco benissimo! in bocca la lupo, un abbraccio :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mi prendo tutto l'abbraccio e ricambio.

      Elimina