giovedì 5 marzo 2015

Potevate dirmelo prima, no?

Penny, la nostra gattina, è arrivata da noi quattro mesi fa.

Potevate dirmelo prima che il gatto può essere simpatico come un cagnolino, ma essere al contempo molto, ma molto meno impegnativo.

Perché la mia gatta, quando le riempio la ciotola con le crocchette, aspetta paziente e poi si tuffa e si mette a mangiare con gusto.
.... Altro che qualcuno (che non nominerò) che ad ogni richiamo (leggasi "E' prooontooo") risponde: "J'arrrrrrive" arrotolando la erre che neanche Mireille Mathieu in "Rrrien de rrrien"
Perché la mia gatta dormicchia buona parte della giornata, non disturba e il valore massimo del rumore che produce è una specie di pigolio, ché non si può neanche dire che miagola.
.... Altro che le urlate (di qualcuno che non nominerò) che alzano i decibel da zero a cento in un nanosecondo, quasi sempre per futili motivi e per di più mi svegliano la gatta, nevero.

Perché la mia gatta, quando non dorme, corre come una matta su e giù per la casa. E quando mi nascondo dietro una porta e poi di colpo mi sporgo con la testa, la trovo un metro più avanti, ferma immobile. Un altro scatto con la testa e la ritrovo due metri più avanti e sempre ferma immobile. Insomma, erano anni che non giocavo più a un, due, tre, stella!
.... Altro che qualcuno (che non nominerò) che non mi cerca e anzi mi trova sempre un po', come dire, "rompiballe".

Insomma, un gatto ti riporta la tenerezza che solo i cuccioli sanno ispirare e ti fanno dimenticare gli anni che hai, quando lo coccoli come fosse un bambolotto. E chissenefrega se qualcuno (che non nominerò), guardandoti, alza gli occhi al cielo scuotendo la testa (ma sotto sotto gli viene da ridere)

A onor del vero, le due persone che non nominerò (ma più uno che l'altra) non si arrampicano sulle tende, novelli Tarzan, non scavano nei vasi di fiori e non si rifanno le unghie sul divano. 

Ma dopotutto si era capito che non sono brava a farmi ascoltare!

E non sono solo questi i motivi che li distinguono dalla gattina, ovviamente. Ma devo pur vendicarmi, no?

Aspetterò sorniona che passi qualche anno e che, rileggendo questo post, ci si faccia insieme una bella risata!
Perché l'adolescenza..... prima o poi....finisce, vero?

Per scelta, non ho mai pubblicato le foto dei miei figli, perciò.....


....ecco il reportage di mia figlia.





9 commenti:

  1. Bella:-).Già lìadolescenza finirà prima o poi....ma sari sempre "la mamma" e la mamma è la mamma.
    Ciai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello a cui mi aggrappo certi giorni così così, credimi Carolina :-)
      L'unico modo che conosco è prenderla con ironia, per stemperare certe sensazioni..
      Dicono che quello che hai insegnato loro, prima o poi torna fuori...ecco, mi aggrappo anche a questo! :-)

      Elimina
  2. Condividendo in toto quello che scrivi, ti dirò che anche il cane, più impegnativo del gatto, lo è meno degli innominati: ti aspetta sempre con le stelline negli occhi, ti bacia in continuazione, ti sta affianco con piacere, non si lamenta, non pretende, e corre come un fulmine quando lo chiami. I cuccioli d'uomo al confronto sono degli scapestrati! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahah, Ninin. So perfettamente che puoi capire! :-D
      Mi viene da ridere, pensando a qualche mamma che leggendo inorridita il mio paragone figli-gatti, si ritrova poi il tuo commento sui cani. Hahaha, una risata ci salverà!!
      P.S. E' o non è liberatorio?

      Elimina
  3. No dai...ha la erre arrotolata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mais non, ma chére. Disce la erre alla franscese. Cioè, tu lo chiami SETTE volte e lui ti risponde in francese, capisci???

      Elimina
  4. Come sono d'accordo con Laninin. Io li ho entrambi. Impegnativi, ma mai troppo, ti riempiono d'amore re infinito ed affetto incondizionato. E quando li vedi dormire accoccolati insieme, ti rendi conto d'aver fatto un buon lavoro...ahimè, solo con loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, non buttarti giù. Sono sicura che siamo noi che abbiamo sempre mille dubbi sull'essere o non essere una buona mamma. Ma dai tempo al tempo e vedremo i frutti del nostro "predicare".

      Elimina