martedì 8 maggio 2012

9 Mondays for 9 skills: affrontare progetti

Oggi sono tornata a casa di corsa perché non mi sentivo molto bene. Sarà che domenica sono stata a pranzo dalla suocera che ha fatto la spola tra la sala e il bagno? Sarà che poteva dircelo che un pasto caldo eravamo in grado d farcelo? Sarà che sono un po' stressata e forse ho le difese abbassate? Forse. Ma tranquilli, dicono che dopo una bella dormita, domani salterò come un grillo.

Questa premessa è un po' da vigliacca, tanto per mettere le mani avanti, che se scrivo cavolate darete la colpa all'influenza. Mica scema, eh? Diciamo che non sono tanto in vena, ma ho deciso di prendere parte a questa iniziativa e saltare anche solo un giro mi dà un grande fastidio. E' o non è affrontare un progetto anche questo?



Un progetto secondo me è una sequenza di problemi da risolvere e qui si ritorna alla competenza precedente.
Ovviamente se il bambino ha difficoltà a risolvere un solo problema, un intero progetto potrebbe spaventarlo.

E' utile quindi scomporre i problemi  in fattori semplici e aiutare i nostri ragazzi ad individuare una serie di azioni per concludere il progetto (eh, cosa non può lo studio della matematica! Si capisce che sono un po' ossessionata?)

Affrontare un progetto può essere anche rivedere e modificare progetti precedenti: sono sempre migliorabili. E insegnare ai nostri figli a rimettere in discussione le cose date per acquisite e definite è una bella sfida.

Ricordo che l'iniziativa è partita da Palmy ed è stata ripresa da La solita mamma.

14 commenti:

  1. Nonostante l'influenza e la stanchezza mi piacciono le tue riflessioni. La sfida più più grande è davvero insegnare anche a rimettere in discussione le cose date per acquisite, e forse non dovrebbero farlo solo i nostri figli ;D!
    Mi raccomado, per domani ti rivoglio in versione grillo eh!
    Un abbraccio Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi qua, un grillo un po' moscio. Sì, queste regole valgono sicuramente per loro che stanno crescendo, ma anche per noi adulti perché c'è sempre spazio per crescere in qualcosa. Se dovessi fare le cose sempre allo stesso modo, mi verrebbe la sindrome da avvitamento bullone di Charlot!

      Elimina
  2. Grazie della tua partecipazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre un piacere. E' un'occasione utile per riflettere.

      Elimina
  3. Ehi, ma la scomposizione di polinomi in fattori primi ti ha proprio segnata!
    Quello che scrivi però è vero...scomporre un problema è fondamentale!
    P.S.: Ste suocere!
    P.P.S.: ma poi cicaleggi anche come un grillo o salti soltanto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vero? Sono talmente stressata che mi sono ammalata, cosa che non avviene spesso. E' già la seconda volta quest'anno e in un momento in cui non è proprio possibile stare a casa (in fatti ho lavorato tutta questa mattina da casa. Scema eh?) Sono un po' sotto pressione tra figli, lavoro e casa che mi casca addosso!
      P.S. Sorvoliamo sulla suocera!
      P.P.S. Non cicaleggio e non salto, ho anche un po' di febbre. Uff.

      Elimina
  4. Scomporre i problemi (un passo alla volta!) e migliorare sempre sono due colonne portanti della mia vita.
    Insieme al motto "2 teste pensano meglio di 1, e 3 meglio di 2"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece non è da tutti pensare che due teste pensano meglio di una ecc. C'è un sacco di gente che preferisce sbagliare da sola piuttosto che confrontarsi con altre persone. Ci vuole anche un po' di umiltà, a volte, e spirito di collaborazione. Non c'è niente di male a chiedere aiuto e poi magari la volta dopo si può ricambiare, no?

      Elimina
    2. Fermi tutti...io penso (wow) che penso meglio da sola, ma solo perchè se penso con qualcun altro poi mi confondo. A meno che questo qualcun altro pensante non pensi lontano da me...in quel caso si, è meglio pensare in più persone...però se siamo lontani non è come se fossimo da soli? quindi in definitiva ho sempre pensato da sola...
      in conclusione: penso meglio da sola. (c.v.d.)

      Elimina
    3. La doamda sorge spontanea: ma lei beve? Ahahaha!

      Elimina
    4. ovvio...almeno due litri di acqua al giorno!
      no vabbè oggi sto spiritosa dai!

      Elimina
  5. Sarà il cambio di stagione, con gli armadi stracolmi da rassettare, ma anch'io vacillo un po', ultimamente.
    E domenica tocca pure a me il pranzo dalla suocera.
    Spero che nel frattempo tu ti sia ripresa.
    Un bacio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio è un virus fulminante. Dura un giorno. Sto già meglio, grazie.
      Un bacio anche a te.

      Elimina
  6. Visto che stai meglio, passa di là: se hai voglia, hai da fare qualcosa...

    RispondiElimina